Rock Impressions

Le Orme - Live in Pennsylvania LE ORME - Live in Pennsylvania
Sonny Boy
Distribuzione italiana: Self
Genere: Prog
Support: 2CD+DVD - 2008

Il Progressive Rock in Italia ha avuto dei nobili portabandiera, sin dai primi anni ’70. Sappiamo tutti chi sono Il Banco Del Mutuo Soccorso, la Premiata Forneria Marconi e gli Area, ma chi ha aperto la porta ufficialmente al genere sono state Le Orme con “Collage”. Una band che si è sempre espressa al meglio in sede live. Una formazione a tre che guarda più verso i Quatermass che agli Emerson Lake & Palmer. Una lunga carriera , con i propri alti e bassi, compresa la breve pausa che va dal 1983 al 1986, ma sempre dedita fedelmente ai propri Fans. Gli anni sembrano non aver scalfito la verve di Tagliapietra e soci, tornati oggi dopo il periodo più elettronico degli anni ’80 ad un Prog più classico e sinfonico. Il trittico “Il Fiume”, “Elementi” e “L’infinito” non solo ci riporta alle belle sonorità di un tempo, ma gode di una inaspettata freschezza.

Con questo”Live In Pennsylvania”, la band hanno dimostrato di avere ancora tanta passione
da regalare ai propri ammiratori. Questa partecipazione all’edizione del 2005 del prestigioso Nearfest è la dimostrazione di quanto amore e di quanto rispetto ci siano ancora per questi vecchi leoni, ma soprattutto abbiamo la testimonianza di una prova di grande carattere. Le Orme sono in forma smagliante, sembra davvero che in questi anni la band, non solo non abbia perso smalto, ma che sia addirittura migliorata, in effetti l’esibizione proposta e catturata in questo titolo ci mostra un gruppo che ha saputo rileggere i propri classici rendendoli attuali come se fossero stati composti da pochi anni, invece che da oltre trenta, e questa è con tutta probabilità la cosa più bella. È ovvio che i classici qui riproposti sono stati eseguiti con grande rispetto, ma il sound che esce è fresco, accattivante, non suona per nulla vintage o nostalgico, credo che questo sia possibile sono grazie ad una grande passione e ad una profonda onestà artistica, che va giustamente riconosciuta a questi musicisti.

Credo che ogni amante del Prog (non solo italiano) abbia imparato ad amare classici come “Cemento Armato” o Felona e Sorona, che viene riproposto praticamente per intero, oppure la popolare “Gioco di Bimba” che ha dato una certa notorietà alla band anche presso il pubblico non legato al Prog, ogni brano proposto dei diciotto in scaletta è un pezzo di storia del Prog internazionale, la fotografia di un epoca che ancora oggi trova tanti appassionati in tutto il mondo.

Aldo Tagliapietra (voce, basso, chitarra e sitar), Michi Dei Rossi (batteria), Michele Bon (hammond, tastiere e guitar simulator) e Andrea Bassato (piano, tastiere e violino) sul palco hanno fatto scintille, forse la voce di Tagliapietra non è più squillante come un tempo, ma si tratta di un difetto di poco conto, restano pagine di musica memorabile che descrivere in questo breve spazio non è facile, dai duetti di tastiere, alle belle ritmiche di batteria, alla chitarra synth di Michele Bon.

Ce ne sarebbero di cose da raccontare, ma in fondo quello che resta è un’esibizione che lascia ammirati e desiderosi di aver partecipato all’evento. GB + MS

Altre recensioni: La Via della Seta

Intervista: 2008; 2011

Sito Web


Indietro alla sezione O

 

Ricerca personalizzata

| Home | Articoli | Interviste | Recensioni | News | Links | Chi siamo | Rock Not Roll | Live | FTC | MySpace | Born Again |