Rock Impressions
 

DAVID SURKAMP / PAVLOV'S DOG
CHE FINE HANNO FATTO?
(pubblicato sul numero 2 Febbraio 2004 di Classix!)
di Giancarlo Bolther

Nella seconda metà degli anni ’70 i Pavlov’s Dog sono arrivati sul mercato discografico come un fulmine a ciel sereno e da allora hanno lasciato una traccia indelebile nella storia del rock, nonostante questo però sono rimasti un gruppo da culto. Il singer David Surkamp dalla voce particolarissima ne era il leader.
La cosa più sorprendente è che la formazione di cui vi parliamo in questo articolo ha prodotto solo due albums che, nonostante la polvere impietosa del tempo, sono ancora distribuiti e quindi sono ancora facilmente reperibili, si tratta di “Pampered Menial” del 1975 e di “At The Sound Of The Bell” del 1976. Altri due titoli sono usciti in seguito e sono “Third”, pubblicazione postuma di un album registrato nel 1977 il cui titolo doveva essere "Has Any One Here Seen Siegfried?" (sul mercato se ne possono trovare varie versioni bootleg di scarsa qualità e con titoli diversi fra cui spicca “St. Louis Hound”) e “Lost In America”, un disco piuttosto debole che doveva rilanciare la band all'inizio degli anni ’90, ma che purtroppo ha fallito l’obbiettivo. Safron senza Surkamp ha dato vita alla formazione Pavlov’s Dog 2000 autrice di un solo rarissimo mini CD nel '95 con cinque brani dal titolo “End Of The World”, ma caduta ben presto nell’anonimato.

Il gruppo, nonostante le elevate potenzialità espresse, si scioglie subito dopo il secondo disco. La motivazione è dovuta principalmente ai conflitti interni fra i componenti e un po’ per colpa dell’ascesa del movimento punk che, come un uragano equatoriale, ha letteralmente fatto piazza pulita di tutti i musicisti di “vecchia scuola” riscrivendo le regole del mercato musicale di quegli anni. A questo proposito dichiara David: “Ho lasciato il gruppo perché non ero felice, dopo il successo del primo album sono piovute sulla band delle pressioni enormi e queste avevano creato una tensione interna insostenibile. Le pressioni dei discografici ci hanno diviso perché pretendevano che incidessimo della musica commerciale di merda al solo scopo di fare soldi. Finché ero io a scrivere i pezzi tutto ha funzionato, poi improvvisamente hanno incominciato tutti a voler fare i compositori e ogni cosa si è sfasciata”.

Pampered Menial è uno dei dischi più belli e intensi del prog americano di sempre e deve un tale riconoscimento alla qualità e all’originalità della musica proposta. Gli elementi peculiari dei Pavlov’s Dog si basavano su un mix molto riuscito di folk, hard rock e progressive e sulla voce androgina e particolarissima di David che racconta: “Registrammo il disco in modo molto istintivo, come se suonassimo dal vivo ed in effetti la resa finale fu molto simile a come suonavamo in concerto. Nel gruppo c’erano molti musicisti e ognuno cercava di dare il massimo, eravamo una band davvero molto rumorosa (nda lo dice con orgoglio), così anch’io cantavo usando la voce come se fosse uno strumento musicale per emergere sugli altri. Eravamo un gruppo con una forte base folk perché io sono fondamentalmente un folksinger, ma suonavamo in modo molto aggressivo, del resto io non ho mai amato molto la musica acustica. Ma il nostro stile era anche molto progressive per via del fatto che avevamo molti strumenti insoliti per una rock band come il violino, i flauti, due tastieristi e poi perché ci piaceva mescolare sonorità diverse. Però io ho sempre cercato di puntare sul comporre principalmente ottime canzoni, senza preoccuparmi troppo del genere musicale con cui sarebbero state etichettate.”.

Surkamp in tutti questi anni non ha mai abbandonato la musica, lo ritroviamo negli anni ’80 al fianco di Ian Matthews negli Hi-Fi e ancora con Michael Quatro, ma ha comunque portato avanti una carriera solista. E' stata una vera sorpresa ritrovare David in tour nel nostro paese un paio di anni fa, con tanto di apparizioni televisive nei programmi di quel volpone di Red Ronnie (nda grazie mille Red!). Ad accompagnare David c'erano gli Ossi Duri, una giovane formazione italiana tributo di Frank Zappa. Ma il passaggio di Surkamp ha fruttato anche una inaspettata collaborazione con la seducente Andrea Mirò (nda la compagna di Enrico Ruggeri), con la quale ha duettato nel un brano "The Fairest of the seasons" di Jackson Browne sul disco “Lucidamente”. Sempre in Italia David ha registrato il suo disco solista "Roaring With Light". “In tutti questi anni ho composto moltissimi pezzi e intendo farli uscire, magari solo su internet o attraverso la distribuzione indipendente. Le grandi case discografiche sono gestite da dei grossi ladri e sono veramente felice della crisi che stanno attraversando, se la sono proprio meritata. La mia lunga lontananza dal mercato discografico è dovuta proprio alla falsità e alla disonestà delle compagnie, dei managers e degli agenti. Io ho sempre continuato a suonare, ma preferisco regalare la mia musica ai miei fans piuttosto di darla in pasto a quei furfanti truffatori dei discografici”.

A questo punto la domanda che sorge spontanea è se sarà possibile rivedere ancora insieme la formazione originale dei Pavlov’s Dog? “A me piacerebbe davvero molto, sarebbe realmente fantastico e se la cosa si dovesse concretizzare io ci sarò di sicuro. Del resto siamo ancora tutti in contatto, mi vedo di frequente con Mike Safron, parlo spesso anche con Steve Scorfina e con Douglas Rayburn. Siamo ancora molto amici e viviamo tutti nelle vicinanze di St Louis per cui non è difficile poter fare nuovi progetti insieme.” GB

Recensioni: Echo & Boo


Indietro all'elenco degli Articoli

 

Ricerca personalizzata

| Home | Articoli | Interviste | Recensioni | News | Links | Chi siamo | Rock Not Roll | Live | FTC | MySpace | Born Again |