Rock Impressions

Of the Wand and the Moon OF THE WAND AND THE MOON
Emptiness Emptiness Emptiness
Euphonious Records

Prendete il gothic più efferato, rallentatelo, suonatelo acustico e otterrete la proposta musicale di questo oscuro gruppo, tacciato di neonazismo.

Emuli minori dei Death in June, si rifanno ad una musica salmodiante, una mistura cantilenante e ossessiva. Un finto naturalismo e un finto folk, sospeso alla ricerca di una ritualità pagana ed esoterica, che può interessare solo i patiti del genere.

Se la cosa funziona bene per i primi tre quattro brani, al quinto incomincia a farsi insopportabile, della serie "c'è tanto bisogno di braccia in agricoltura!". Il titolo del disco, alla fine, suona più come una condanna, che non una ricerca di significato, per una musica che di significati ne ha davvero pochi: vuoto, vuoto, vuoto! La recensione potrebbe anche finire qui. Nove tracce tutte terribilmente uguali e monotone, una chitarra acustica, qua e là un synt appena sussurrato, percussioni ridotte all'osso e un cantato piatto e recitato, un disco così lo potrebbe incidere davvero chiunque.

Ingredienti perfetti per un rito celebrato a mezzanotte in un bosco, con un alto consumo di sostanze inebrianti, altrimenti si farebbe musica migliore, sì perché la musica vera è un'altra cosa! GB



Indietro alla sezione O

| Home | Articoli | Interviste | Recensioni | News | Links | Chi siamo | Rock Not Roll | Live |