Rock Impressions

Anathema - Distant Satellites ANATHEMA - Distant Satellites
K-Scope
Distribuzione italiana: Audioglobe
Genere: Post Modern Prog
Support: CD - 2014


Quando si parla degli Anathema la prudenza è dovuta, come anche una certa attenzione, stiamo parlando di una delle band più originali degli ultimi quindici anni, un gruppo che ha fatto scuola, partiti da un metal estremo sono arrivati ad un prog rock altamente sofisticato, anche se è vero che ultimamente sembrano aver rallentato la loro corsa verso l’innovazione. Gli ultimi album ruotavano pericolosamente attorno a se stessi, come satelliti appunto, con strutture compositive che si assomigliavano pericolosamente.

Questo nuovo disco quindi è carico di aspettative e forse qualche indicazione finalmente viene data. Possiamo idealmente dividere il disco in due parti, con spartiacque un brano simbolico, dal titolo inequivocabile “Anathema”. La prima parte del disco è dominata da tre pezzi che portano tutti lo stesso titolo “The Lost Song” e sembrano tutti legati alle ultime produzioni della band, si pensi ad “Untochable”, classe ed eleganza non mancano, ma si ha la netta sensazione che la band svolga il proprio compito senza grande sforzo e senza grande impegno. “The Lost Song Part 1” attacca con un ritmo incalzante che fa da contrasto ad un cantato sognante e malinconico, pian piano il pezzo entra in un crescendo perfetto, tutto è esteticamente ineccepibile, ma è una formula fin troppo sfruttata dal gruppo. La “Part 2” è più riflessiva, con prevalente cantato femminile, ma la linea melodica è molto simile, non manca il crescendo e se non fosse che è la riedizione del solito tema, sarebbe incantevole. Già meglio è “Dusk”, col suo incedere tormentato, ma il concetto di fondo non cambia. “Ariel” ha una poetica magica, delicata come un soffio, densa di una bellezza struggente, con il pianoforte appena accennato, certo ci sanno fare. La “Part 3” altro non è che una continuazione del tema, alcune piccole variazioni, ma fondamentalmente siamo sempre a parlare delle stesse cose. A sorpresa arriva il brano “Anathema” posto nel centro del disco come uno spartiacque e sicuramente non è stato messo li a caso, un giro ipnotico fa da tappeto al un cantato sofferto, non ci sono spunti nuovi, ma troviamo tanto pathos, summa di questo percorso che forse si potrebbe concludere qui.

A questo punto parte la seconda sezione del cd con “You’re Not Alone”, da subito sembra di ascoltare un’altra band, l’elettronica prende il sopravvento, unico segno di continuità il solito crescendo, ma i suoni ora sono acidi e tutt’altro che poetici, casomai ci troviamo catapultati in uno stato di alienazione urbana. “Fire Light” sembra ambient, ci sono solo tastiere calibrate con grande lentezza e solennità, quasi un intro per la title track che è pure dominata dall’elettronica, forse la nuova terra di conquista di questa band. Del brano si salva soprattutto il ritornello, ma se parliamo di musica elettronica credo ci siano già stati molti artisti che hanno fatto meraviglie e qui, per quanto non manchi una certa suggestione, siamo piuttosto lontani. La conclusiva “Take Shelter” mi è sembrata quanto mai anonima, una cantilena soffusa che ha poco da dire, lancia l’ormai abusato crescendo in chiave elettronica.

La prima parte del disco offre qualcosa di già edito e quindi non posso fare i salti di gioia, ma anche per quanto riguarda la seconda parte del disco il mio giudizio è piuttosto negativo, non tanto perché la band ha voluto cambiare rotta, ci mancherebbe, ho sempre apprezzato voglia di innovare e di sperimentare, ma mi sembra che gli Anathema non abbiano saputo imprimere il loro carattere in questi pezzi, riducendosi piuttosto a svolgere con indiscutibile classe un compito fin troppo prevedibile nei risultati. GB

Altre recensioni: Hindsight; We're Here Because We're Here; Falling Deeper;
Weather Systems; A Sort of Homecoming

Articoli: Anathema, il vero Prog Metal

Sito Web + Widget




Flash Forward Magazine

Indietro a Ultime Recensioni

Indietro alla sezione A




Ricerca personalizzata

| Home | Articoli | Interviste | Recensioni | News | Links | Art | Chi siamo | Rock Not Roll | Live | FTC | Facebook | MySpace | Born Again |